Etica Sociale

Browse


Il Codice Etico e la Legge 231/2001
Il codice etico di IN.SAR, documento ufficiale della Società, introdotto nel 2005, ha per oggetto l’individuazione dei principi etici e degli standard morali, comportamentali e professionali che concorrono ad indirizzare l’attività di Società, e che rilevano ai fini della prevenzione dei reati ai sensi del D. Lgs. 231/2001.

Si pone come finalità la moralizzazione e l’applicazione di principi di comportamento in tutti i rapporti, sia interni che esterni all’azienda: rapporti con i dipendenti, Organi sociali, collaboratori, partner, clienti, fornitori, azionisti, Istituzioni e con ogni altro soggetto interessato.


Accesso civico

L’istituto dell’accesso civico, introdotto con il D. Lgs. 33/2013 (art. 5), consiste nel diritto di chiunque di richiedere documenti, informazioni o dati che le pubbliche amministrazioni, pur avendone l’obbligo, abbiano omesso di pubblicare. L’IN.SAR., ricevuta la richiesta, dopo aver verificato la sussistenza dell’obbligo, procede entro 30 giorni alla pubblicazione sul proprio sito del documento, dell’informazione o del dato richiesto, comunicando al richiedente l’avvenuta pubblicazione ed indicando al medesimo il relativo collegamento ipertestuale.

La richiesta di accesso civico è gratuita, non deve essere motivata e può essere presentata da chiunque a mezzo istanza al Responsabile della Trasparenza, redatta utilizzando l’apposito modulo messo a disposizione della Società nella sezione del sito web dedicato alla trasparenza. La modalità di esercizio civico può essere effettuata tramite posta elettronica all’indirizzo accessocivico@insar.it; posta ordinaria all’indirizzo: IN.SAR. S.p.a., Via Mameli, 228 - 09123 Cagliari; o personalmente presso gli uffici della sede  IN.SAR di Cagliari.


La trasparenza

La Società, recependo la normativa in materia di prevenzione e repressione della corruzione e della illegalità nella pubblica amministrazione” ha avviato tempestivamente le attività inerenti la valutazione delle misure da adottare per i percorsi rivolti alla gestione dei rinnovi contrattuali, alla revisione delle procedure di acquisto e al conferimento di incarichi, all'attivazione dell'albo fornitori e delle Short-list. Ha nominato il Responsabile della prevenzione alla corruzione e per la trasparenza, e sulla base di quanto istituito con la Legge 190/2012 e D.Lgs 33/2013, adempie alla pubblicazione online degli affidamenti di incarichi e di collaborazioni ai sensi dell'art. 15, c. 1, 2 della citata legge, e a quella delle sovvenzioni, di contributi, di sussidi e di vantaggi economici ai sensi dell’ art. 26, c. 1 e c.2 e dell’art. 27.

Con il Piano triennale per la Prevenzioni della Corruzione e per la Trasparenza vengono definite le modalità per evitare il rischio che si manifestino casi di corruzione, creando, altresì, un contesto lavorativo sfavorevole a tale fenomeno e anzi stimolando all’interno della Società la capacità di riconoscere l’insorgenza di eventuali situazioni di corruzione.

Il piano triennale, anch’esso pubblicato nell'apposita sezione trasparenza, identifica processi e aree di rischio declinandone scenari corruttivi ed elencando le ipotesi di reato. 
Tutto iI personale IN.SAR. è stato adeguatamente formato in materia di prevenzione della corruzione con la partecipazione a specifici percorsi formativi.
a Società ha anche attivato una casella di posta elettronica dedicata anticorruzione@insar.it.


IN.SAR. è certificata SA 8000, garanzia dell’impegno etico e sociale.
La Società si ispira per la propria attività ai principi etici che le derivano in gran parte dalla sua storia di protagonista nelle politiche attive del lavoro e dei lavoratori svantaggiati in capo ai quali vi è il valore della persona in quanto tale.

Sono valori fondamentali di IN.SAR.:

  1. la centralità della persona, intesa nella sua piena dignità di essere, sia in quanto portatrice di aspettative e interessi legittimi, sia come protagonista di interrelazioni sociali, culturali e ambientali;
     
  2. il valore della responsabilità verso il contesto esterno, intesa come tutela degli interessi di tutti gli stakeholder, attenzione ai loro bisogni ed alle loro aspettative legittime, per migliorarne il grado di soddisfazione;
     
  3. il valore dell’innovazione, inteso come impegno costante nella ricerca e nello sviluppo di nuove iniziative in tutte le aree di intervento, per favorire e percorrere, nel perseguimento del disegno strategico, il massimo grado di innovazione;
     
  4. la trasparenza e la correttezza dei comportamenti, intesa anche come impegno per il perseguimento di efficaci interrelazioni con la collettività e con gli altri stakeholder, per un dialogo partecipativo di scambio e di arricchimento sociale, finalizzato al miglioramento della qualità della vita;
     
  5. il valore dell’affidabilità gestionale, intesa come efficienza, efficacia ed economicità dei sistemi gestionali per accrescere costantemente i livelli di redditività e di competitività dell’impresa.



 

 

Aggiornato il 20/04/2020